Dal nuovo libro “La vita dei sogni al contrario e altre occasioni perdute”

Lei si scelse le parole peggiori per dire ti amo. Prese il tempo che era cauto dalle tasche di un passante e lo nascose dentro le maniche, sarebbe tornato utile ogni qualvolta doveva scappare dal calendario. L’uomo invece non era affatto sorpreso, tolse le spine dalle sue labbra, quelle che lei aveva così sapientemente fatto germogliare con sesso e bugie e le ripose educatamente nel cuore. <Mi serviranno per ricordare il tuo volto, altrimenti sono sicuro di poterlo dimenticare, sei così sottile che a volte non sono sicuro tu sia presente. Forse ti sei consumata per tutte le volte che hai sparato contro la tua immagine allo specchio>. Non vi era odio nelle sue parole, anzi era quasi divertito nel sentirsi così sereno, anche la sua immagine riflessa nel bicchiere era d’accordo.
Lei si fermò nella passerella verso la porta e con un tono secco come un deserto urbano replicò: <Hai sbagliato, ti amo e ti amerò, ma non per disegnare le tue mancanze e necessità, io ti amo come mio giogo, come risoluzione delle mie trame. Anche questo è amore e tu ne sei l’oggetto, perché posso manipolare il tuo disilluso tempo andato. Sei la nostalgia di una vendetta, forse nemmeno quella, ma sicuramente ti amo per quello che soddisfi nel mio ventaglio di dimenticata follia.> Ed ora era lei a sorridere.
La porta si aprì ed entrò l’indifferenza del corridoio, mentre lui si bevve la sua immagine nel bicchiere e scoprì di amare quella serpe che le aveva dato uno scopo.

 

couple.jpg

Annunci

Non ti ho mai scritto

Non ti ho scritto
non l’ho mai fatto veramente
ho buttato le parole come dadi
sperando di vincere
contro bari esperti
E adesso non posso più evitare
ho finito le parole da non dirti
rubate forse dai tuoi desideri.
Ricordo solo che eri un’altra donna
Così piccola da poterti veder nascere
troppo utile ad un sorriso
così poco tempo per insegnarti a non piangere
E le mie braccia eran troppo corte
non potevano raggiunger quei tuoi passi
portati via per una lite
Così rimango a spiarti crescere
mentre mi trasformo in un ombra dietro un muro
invisibile al tempo che mi resta
prigioniero di un infinito dubbio

 

scritto.jpg

 

 

 

 

Balzelli

Inver del tempo fui una vela
senza vento a sospinger le mie vertebre
nel desio di non aver mai astratto
la mia mano da un cuor nobile

La scena del fu come sempre
era di caramelle nata male
nel sensazional vortice di finestre rotte
che per tempo caddero nel fiume appena sotto

Non sono e non ho motivo di essere
per questo il tempo non mi è nemico
come lucertole a paio
di un sole scuro come un mattino

 

Il pasto delle vespe

Non mi devo scordare

All’angolo del mio silenzio

Di quello che trasuda

Da proiettili d’ossa e pentimento 

Un pavone a geometrie improvvise

Mai saturo del suo nido di vespe

Ecco come dovrei parlarvi

Con un ronzio d’incenso bianco

E uccidere la bellezza con foglie scure

Quelle cadute sotto le scarpe di un bambino

Che ancora aspetta

Che torni i  cima all’albero 

Ad illuminarla a natale

Uno due e tre…

Lascio la sponda che avanza dal passo

Uno

Due

Tre

Ed eccoli come soldati

In fila perfetta a due nati

Sono i passi che ci portiamo dietro

Lungo una vita.

Di  quanti ne abbiamo bisogno

per arrivare ad accoglierci finalmente

E dove ci hanno portato

Voluti da noi

Nelle case a legno chiuso

Dietro foglie ad albero

Che riparavano dalla pioggia orizzontale

Quanti passi ancora

Dal nascere ciechi

Al morire dubbiosi?

Рай тишины.

Молчание покрывает
Ужас гражданской жизни
Слева так далеко
чтобы казалось правдой
Остается только забыть
Под хлыстом, чтобы жить
В благочестии от необходимости чувствовать
И проходим сквозь страх паломников
К местам, как безопасным, так и простым
Средь белых деревьев в безупречном налёте
Внимательное к нашим нарушаемым секретам
Острое безмолвие
Примитивной сцены
Когда был рожден мир

Метаморфозы осени.

Слушать жизнь неподвижно

Биение, что спускается в долины ущелья

Метаморфозы осени и зимы

Вдоль плеч и никогда более не свыкнуться

Обходить молитв тяжелые падения

С тихих небес

Слушайте жизнь

отвлечение безграмотно

Вдоль рек, где течет кровь

Равнодушные к правилам въезда

Мастера тела

Это делает нас рабами

Смеха и слез

Разбуженный огромный спящий

Осознание

Того, что мы можем, наконец,

Молить о жизни