Mi è morto un sorriso tra le mani

Agognava a esplodere
come un fauno in pensiero
la scelta dei denti su cui danzare
le labbra da far lacrimare

scelse il marmo della sua storia
incise le volontà senza spine
chiuse la porta al vento
e si suicidò senza rumore

Abbiamo avuto a che fare
con indecenze che scoppiano nelle tasche
con quelle silenziose sibilanti come pupazzi a molla
ma nessun crimine avrebbe potuto renderci così divini
non siamo mai entrati da quella porta
non abbiamo mai cambiato l’ora dei dubbi

Ed ora bussano e non sappiamo se aprire
la polizia della vergogna vuole colpevoli
e noi siamo i peggiori indiziati
non abbiamo ancora aperto a nessuno
non abbiamo ancora parlato con nessuno

Sono secoli ormai
che siamo rinchiusi qui dentro
con un sorriso ormai morto
spirato tra le nostre mani
e la polizia ancora cerca di entrare
ma non abbiamo ancora aperto
ma non abbiamo ancora aperto

Annunci

2 pensieri riguardo “Mi è morto un sorriso tra le mani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...