Deformi digitali

Potrei farmi vantare un secolo al giorno 
E contare le vertebre a quanti
Piace il mio stato 
Ebbene signori a me non piace 
Cavalcare le note di una nenia 
Buona solo a scacciar le mosche 
Mi rende furioso contro il vento 
Mentre un don chisciotte ripete 
Ma lascia stare 
Sinonimo e contrario delle mie azioni 
Disperdo suoni senza la bocca 
Ritentando la roulette di caronte 
Sulle falde di uno stige ricco di turisti 
Manichini finalmente in braccio a me stesso 
Mentre il sipario Si deforma e diventa sudario 
Per un milione di altre nascite in sordina
Abortite dall esitazione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...