La bambina che fece musica con la tempesta

La bambina prese la bacchetta

spostò la sedia davanti alla finestra

fuori il cielo urtava contro la rabbia di dio

e il rumore era il caos di una belva che sbranava le nuvole

La pioggia divampava sul tempo

La madre rimase seduta con gli occhi aperti

a vedere le lame dei ricordi

mente fuori ogni goccia di pioggia

era un colpo alla malinconia

La bambina sorrideva

lo spavento del rumore

era una sfida ad ogni suo tempo

Alzò le braccia al buio della finestra

e iniziò a dirigere

il caos della tempesta

Le onde del vento

scuotevano rabbiose le catene a cui erano state imbrigliate

violente le folle di pensieri

laceravano lo sguardo delle nuvole

La bambina continuava a dirigere la sua musica

La madre continuava a veder apparire i ricordi dal caos

Piano le voci si confusero nel nulla

e malgrado lampi e fulmini inondavano il cuore della terra

tutto si placava….

andando al ritmo della bambina con la bacchetta

E la musica iniziava ad esser un tuono di melodie

arrampicate su scale non umane

perfettamente divine

armoniche che sovrastavano la stupidità umana

colmavano i vuoti del creato

e tutto si spegneva rinascendo di puro fuoco

L’orchestra del cielo

era domata

la bambina sorrideva

e la madre ne veniva rapita

Fino al momento in cui

il cielo era diventato un suono che attraversava l’uomo

Fino al punto in cui

La bambina non si girò verso la madre

e tendendogli la mano disse:

“Vieni.. non aver paura…

non più”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...