Gli dei sorridono e basta

Involontariamente si diventa una parodia del se

Un io deciso e pronto si staglia contro il mare opaco

E più ti ergi a urlare le tue convinzioni

meno ti accorgi di quanto siano contrarie una con l’altra

pensieri partoriti a caso estratti da una lotteria comune

Quanto rumore splende in un otre gonfio di vento?

Quanto di inumano riesce a trasformare uno spirito debole?

Ancorarsi a boe in mezzo alla corrente

punti fermi per non aver coraggio di andare avanti

Limitandosi a governare gli stolti che annaspano alla partenza

Gli dei sorridono quando i nani tentano di alzar la voce

arrabbiati furibondi per voler a tutti costi la ragione

Ma gli dei sorridono e basta

Estinguersi sarebbe una fine migliore

di quanti invece tentano di svelare ciò che è così chiaro

Un girotondo perverso con un trucco troppo abbondante

Ma gli dei sorridono e basta

Dovrebbero forse rendersi furiosi per quanti si lasciano perdere?

Sorridono a chi non vede che la punta della propria inutilità

carne da macello parassita e dimenticata

Cristalli indecifrabili di movenze cellulari

Sciami di idee troppo deboli per arrivare a interessare il cielo

Ma gli dei sorridono e basta…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...