La fucilazione

Non sono stato certo io a dimenticarti

lo hai fatto tu nei soliti posti senza sole

nelle notti che hai cercato un tuo sorriso sul finestrino bagnato

Nemmeno la luna è mai scesa a parlarti

aveva un altro colore da sedurre

Le voragini sono scene di caccia grossa

una barca in mezzo ai ghiacci che corre su un tamburo

un pescatore di scellini sopra una discarica di monete d’oro

Un sogno da pastori irlandesi

dopo aver spillato birre all’ingresso del castello dei re smarriti

Venite avanti con i vostri rozzi cappelli di paglia e sterco

un ordine al sarto di fiducia per ritagliarvi le unghie sopra le tavolate

Ora in fila davanti alle condanne di sguardi in attesa

Il plotone d’esecuzione dei vostri desideri malati è pronto

attende l’ordine per dimenticarvi su questa realtà

e tornerete ad essere un incubo nei sogni della nostra infanzia

nella logica degli ubriachi

Siate colpevoli di aver vissuto

e noi lo saremo per avervi permesso di esistere

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...