I martiri di ieri

Sono una croce piantata sopra un colle di speranze

Sono la vera pazienza che nasce dal non dar retta

Un cerchio di voci che si immola a se stesso

diventando sabbia di ferro e lacrime d’ebano

miscelare rabbia e sguardi diventa la preghiera di tutti i giorni

scelta tra le automatiche vessazioni del vivere bene

Voltatevi e guardate in faccia il vostro costruttore

ha elargito pubblicità gratuita sopra tavole imbandite

Ed eri tu sola a smacchiare le parole dette

cercando di toglierle dalle impronte dei ricordi

Giri sulla schiena commentando le altrui moribonde emozioni

estorcendo i pochi capelli in testa di un pensiero costante

Giochi di bambina intessuti di lacrime parentali

Il primo mal di denti è un gioco sadico

dove gli sguardi diventano profondi

assaporando il tuo minimo dolore

portandolo come regalo ambito ai tuoi compleanni futuri

Addio e arrivederci

saremo un semplice saggio di danza

dove si sbaglia imparando a non essere

Annunci

2 pensieri riguardo “I martiri di ieri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...